timbro_made_in_monchio_delle_corti_75x75.png
Sei qui: Home
Messaggio
  • Il sito utilizza cookie tecnici e di terze parti, per il corretto funzionamento delle pagine web e per il miglioramento dei servizi. Per maggiori informazioni clicca su Cookie policy

 

Contributi ai comuni delle aree interne: ripartizione, termini, rendicontazione

Il DPCM 24 settembre 2020, pubblicato in Gazzetta Ufficiale, reca ripartizione, termini, modalità di accesso e rendicontazione dei contributi ai comuni delle aree interne, a valere sul Fondo di sostegno alle attività economiche, artigianali e commerciali per ciascuno degli anni dal 2020 al 2022

E' stato pubblicato, nella Gazzetta Ufficiale n.302 del 4 dicembre, il DPCM 24 settembre 2020 che definisce, per ciascuno degli anni dal 2020 al 2022, le modalità di ripartizione, i termini, le modalità di accesso e di rendicontazione dei contributi ai comuni, a valere sul "Fondo di sostegno alle attività economiche, artigianali e commerciali".

Riparto

I contributi sono assegnati ai comuni tenendo conto della quota stabilita in relazione alla dimensione demografica degli enti ed in base a criteri di perifericità, nelle misure indicate nell'allegato 1.

Il contributo assegnato a ciascun comune, per ciascuno degli anni dal 2020 al 2022, è  riportato nell'allegato 2.

Azioni

I comuni possono utilizzare il contributo di cui all'art. 2 per la realizzazione di azioni di sostegno economico in favore di piccole e micro imprese, anche al fine di contenere l'impatto dell'epidemia da COVID-19, come individuate dalla raccomandazione 2003 361/CE della Commissione, del 6 maggio 2003, che:

  • a) svolgano attività economiche attraverso un'unità operativa ubicata nei territori dei comuni, ovvero intraprendano nuove attività economiche nei suddetti territori comunali;
  • b) sono regolarmente costituite e iscritte al registro delle imprese;
  • c) non sono in stato di liquidazione o di fallimento e non sono soggette a procedure di fallimento o di concordato preventivo.

Le azioni di sostegno economico possono ricomprendere:

  • a) erogazione di contributi a fondo perduto per spese di gestione;
  • b) iniziative che agevolino la ristrutturazione, l'ammodernamento, l'ampliamento per innovazione di prodotto e di processo di attività artigianali e commerciali, incluse le innovazioni tecnologiche indotte dalla digitalizzazione dei processi di marketing on-line e di vendita a distanza, attraverso l'attribuzione alle imprese di contributi in conto capitale ovvero l'erogazione di contributi a fondo perduto per l'acquisto di macchinari, impianti, arredi e attrezzature varie, per investimenti immateriali, per opere murarie e impiantistiche necessarie per l'installazione e il collegamento dei macchinari e dei nuovi impianti produttivi acquisiti.

Monitoraggio

Il monitoraggio dei contributi è obbligatorio ed è effettuato attraverso il sistema della Banca dati unitaria presso il MEF (SimonWEB).

Pubblicazione online - trasparenza

I comuni assegnatari sono tenuti a rendere nota la fonte di finanziamento, l'importo assegnato e la finalizzazione del contributo assegnato nel proprio sito internet, nella sezione «Amministrazione trasparente».

 

NUOVO AVVISO PUBBLICO RELATIVO ALLA CONCESSIONE DI N. 3 UNITÀ IMMOBILIARI POSTE NELL’EDIFICIO DENOMINATO “OSTELLO”, SITO IN RIGOSO, VIA DELLA FONTANELLA N. 27, DA DESTINARE A FINALITÀ DI TIPO RICETTIVO-TURISTICHE in esecuzione della Deliberazione di Giunta comunale n. 60 del 20.06.202005.09.2020 e della Determinazione n. 233 del 11/09/2020. GRADUATORIA

   

Partiti i contributi a fondo perduto del Decreto Ristori.
Un miliardo di euro accreditato in automatico a 211.488 imprese.
726 milioni di euro vanno a 154mila bar, pasticcerie, gelaterie e ristoranti.

COMUNICATO STAMPA

 

Raccolta firme relativo al Progetto di Legge di iniziativa popolare norme contro la propaganda e la diffusione di messaggi inneggianti a fascismo e nazismo e la vendita e la produzione di oggetti con simboli fascisti e nazisti

 

Richiesta invio avviso TARI tramite posta elettronica

E' possibile richiedere l'invio dell'avviso via mail.

L'avviso TARI (tassa rifiuti) ed i relativi modelli F24 da utilizzare per il pagamento saranno inviati tramite posta elettronica ai contribuenti che hanno comunicato al Comune l'indirizzo mail.

 

Richiesta invio avviso TARI tramite posta elettronica

E' possibile richiedere l'invio dell'avviso via mail.

L'avviso TARI (tassa rifiuti) ed i relativi modelli F24 da utilizzare per il pagamento saranno inviati tramite posta elettronica ai contribuenti che hanno comunicato al Comune l'indirizzo mail.

 
Altri articoli...
Pagina 2 di 6
timbro_made_in_monchio_delle_corti_75x75.png
Joomla extensions by Siteground Hosting